Salvatore il cantastorie di Puglia


Padronə miə, ti vogliə arrecchire,
padronə miə, ti vogliə arrecchire,
commə nu cæne i vò fatijə’,
commə nu cæne i vò fatijə’.

E qquannə sbagliə, dammə li bbottə,
e qquannə sbagliə, dammə li bbottə
vogliə la morte, ma nnu’ mme caccià,
vogliə la morte, ma nnu’ mme caccià.

I’ tenghə li figghjə che vonnə lu pænə,
I’ tenghə li figghjə che vonnə lu pænə
chi ccə lu dajə jè lu tatà,
chi ccə lu dajə jè lu tatà.

Matteo Salvatore ha vissuto una giovinezza di miseria e di analfabetismo, ma grazie all’affermazione del suo talento musicale ed alla forza poetica delle sue parole riuscì a trovare il riscatto, suscitando l’apprezzamento del pubblico e la stima da parte di diversi intellettuali. Italo Calvino di lui disse: “Le parole di Matteo le dobbiamo ancora inventare“. Ironia, sarcasmo ma anche rivendicazione sociale e voglia di riscatto per la sua gente, fatta di semplici e onesti lavoratori: “L’anima del Sud – ha spiegato Lucio Dallaimpregna le sue canzoni come un’autentica bandiera sociale“. Il cantuatore bolognese sembra aver sposato completamente la filosofia del cantastorie foggiano, nonostante la difficoltà di cantare col destreggiarsi con le sonorità aspre del dialetto di Apricena: “C’è uno strano destino in ognuno di noi. Ho passato la mia infanzia estiva a Manfredonia. Il dialetto fa parte delle radici e mi sento realizzato quando mi capita di sentirlo parlare. La mia vocazione era forse quella di nascere nei Sud del mondo e questo è il mio Sud“.

Passa lu king de lu patrun, lu polveron me face murì...

Informazioni su smemorato

senza nulla a pretendere
Questa voce è stata pubblicata in cultura contadina, poesia, Puglia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Salvatore il cantastorie di Puglia

  1. smemorato ha detto:

    Voce:
    Stammatine a ‘mmienza sta vie Cecerenielle cu llu Pruscine
    aqquà à jesse tue aqquà à jesse mie.
    Coro:
    Sine, cumbà, ne l’one addà
    sci no cu nnu cchjappe le ma mbeccà.
    Voce:
    Sime mestre de remonne ne capime de la materie
    Cicciu Ricce è n’ommu serie.
    Coro:
    Sine, cumbà, lu ma vvutà
    cà a llu putere lu mà purtà.
    Voce:
    Sci ffascimene na premere
    pe ddespiette de le megghjere
    tuzzamene pure le bbecchjere.
    Coro:
    Sine, cumbà, ca ete vere
    le tradeture sò le megghjere.
    Da ” La pampanella amara” di Vincenzo GASPARRO.
    Nota: Questo canto (sull’occupazione delle terre) è stato possibile rintracciarlo grazie alla memoria di Grazia GASPARRO.

  2. carolemico ha detto:

    Ciao Smemo, certo che cambierebbero, con la speranza che facessero qualcosa di buono non il macello che fanno ora.

    Anni fa avevo delle musicassette di Matteo Salvatore, poi sono arrivati i miei figli e ne hanno fatto carne di porco. Peccato.

  3. ceglieterrestre ha detto:

    Sta notte me so inzognata ‘n novo lavoro. Vojo scrive testi pe ‘n cantastorie Tarantino ( ‘n romanesco). .Er sor Monti, “… posto fisso è noja…) Vabbé io ce provo vedemo che succede.

  4. ceglieterrestre ha detto:

    Co sta crisi, de pomeriggio me tocca fa la sagratària a 5 avocati. Se sapessi che svàrio pe l’anni mì’. Speramo che er ciarvello me regge.. Follè, se rinasco è mejio che me faccio papa. 😉

  5. Pietro ha detto:

    Non ricordo dov’ero quando pubblicavi questo tesoro.
    Non è mai troppo tardi. Grazie di cuore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...