Olivo cegliese di contrada Genovese


“Ti voglio inviare un bellissimo esemplare che non riesco ad incollare.
Si trova in contrada Genovese: non so se è il più grande di Ceglie Messapica, ma è certamente notevole.
Se vuoi puoi farlo vedere agli amici cegliesi nel mondo.
Pietro”

Certo che voglio, Pietro! Eccolo qua:

Lodi e poesie dedicate all’ulivo >clicca!

Ricordo a tutti i lettori che è possibile avere un olivo di Puglia tutto per se.

Informazioni su smemorato

senza nulla a pretendere
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, Ceglie Messapica, Puglia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Olivo cegliese di contrada Genovese

  1. Pietro Palmisano ha detto:

    Di questo olivo potrebbe dire molto più di me dg.
    Chissà quante cose vissute in prima persona all’ombra di questo patriarca vegetale potrebbe raccontare.
    Quanti giochi, quante arrampicate, quale rifugio, quale conforto…
    Pietro Santo

  2. carolemico ha detto:

    Ciao, veramente notevole, un tronco dalla circonferenza veramente impressionante.
    Nell’anno 1955 (se non errò) mio padre compro un appezzamento di terreno in contrada Sardella (di S. Michele), e passato pù di mezzo secolo e le piante di ulivo su quel terreno sono cambiate di poco, perciò se tanto mi da tanto la pianta nella foto potrebbe benissimo essere vicina ai mille anni se non di più.
    Piante come questa (ed anche più piccole di queste) in altre parti dell’Italia (senza andare all’estero) sono addirittura segnalate sulle guide turistiche e con tanto di cartello che ne indica il nome e l’età approssimativa. Perchè da noi non viene fatto? Dove sta la tanto decantata incentivazione turistica?
    Guardate le foto di questo post per esempio http://www.florablog.it/2012/03/16/alberi-monumentali-la-grande-roverella-di-monteveglio-bo/

    • Io sono egoista, preferisco che non si sappia in giro. Con tutti i ladri che ci sono in Italia! Meglio che questi alberi restino ancora a rallegrare la vita di chi ci abita vicino!
      Nella mia campagna, a Montagnulo, l’olivo più robusto è poco più grande della metà di quello nella foto.

  3. smemorato ha detto:

    In effetti l’olivo è albero centenario e anche millenario, questo è uno dei motivi della sua “preziosità”. Pensate a coloro che piantano un albero, certi che potranno difficilmente godere a pieno i frutti; è l’essenza vera dell’essere umano, non trovate?

  4. Pingback: il mediterraneo | Un Paese più… dipende da noi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...