sud nuova frontiera


La nuova geografia del mondo passa dal Mediterraneo e pone nuovi interrogativi sul governo dei flussi migratori, sul dialogo interreligioso, sugli equilibri geoeconomici e politici.
Più ad ampio raggio, andrà creato un ponte culturale, politico ed economico tra l’Unione europea e l’area del Mediterraneo, tra l’Unione europea e i Balcani e l’Oriente. Il Mezzogiorno deve puntare ad essere protagonista di questa nuova frontiera. La realizzazione di questo sogno, dal quale dipende in gran parte il nostro futuro nello scenario mondiale, richiede politiche di crescita e di investimento decise e adeguate, che l’attuale leadership europea non riesce a elaborare (*).
Gianni Pittella  
Vicepresidente vicario del Parlamento Europeo
(*) sembrerebbe un’autocritica…

Informazioni su smemorato

senza nulla a pretendere
Questa voce è stata pubblicata in citazione, Europa, sud e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a sud nuova frontiera

  1. pliniosenior ha detto:

    A mio avviso, il singolo non può caricarsi di responsabilità collettive, né deve astenersi dal formulare proposte per evitare di cadere in possibili contraddizione. Sull’interessante argomento dell’articolo ci sono diversi studi.

  2. Se vogliono fare ai popoli mediterranei, tutti, ciò che hanno combinato ad italiani e greci possono accomodarsi!
    O gli dovremo dare l’autorizzazione e la delega col nostro voto?
    Pietro Santo

  3. Sciopero generale, anche contro il PD!
    Vergogna a Bersani e combriccola di incapaci svenduti!
    Vergogna senza appello!
    E Fornero al cimitero!
    Non chiedo scusa!
    Pietro Palmisano

  4. smemorato ha detto:

    Su “Famiglia Cristiana” il duro intervento del presidente della Commissione Cei per il Lavoro. E i vescovi italiani auspicano una riforma “ampiamente condivisa”.

    “Lasciare fuori la Cgil sarebbe una perdita di speranza notevole, un grave errore”. Uno dei rilievi critici che il presidente della Commissione Cei per il Lavoro, monsignor Giancarlo Bregantini, muove alla riforma Fornero è “il dispiacere che provo nel vedere la Cgil lasciata fuori da questa riforma”.
    ***
    Non mi pare poco!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...