in Puglia


Luce spande e scrolla i semi sotto i rami degli ulivi,
spunta e tremola il papavero,
l’olio afferra e incenerisce,
e la luce mai si estingue.

Rullo nelle città-grotta, rullo senza sosta alcuna,
pane bianco e labbra nere,
bimbi nelle mangiatoie
vanno in pasto a mosche in sciame.

Se nel giorno troglodita luce agreste si portasse,
il papavero dai lumi
fumerebbe e in sonno affanno
tutto lo consumerebbe.

Svegli asini condurrebbero otri d’acqua nel paese,
corde mani intreccerebbero,
vetro e perle alle pareti,
uscio in abito sonante.

Le madonne allatterebbero ed il bufalo berrebbe,
con il fumo tra le corna,
basterebbero i regali,
pesce, agnello e uova di serpente.

Sono franti infine i frutti, sono cotte anche le anfore.
L’olio scorre ad occhi aperti,
ebbro muore anche il papavero
da tarantole travolto.

(Ingeborg Bachmann, 1926 – 1973)

Informazioni su smemorato

senza nulla a pretendere
Questa voce è stata pubblicata in poesia, Puglia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...