Wladislaw Anders ha detto 4 gennaio 2013

Ragazzi, senza televisione non si va da nessuna parte. Andate a chiedere ai miei genitori (68 e 76 anni) chi è Ingroia. Vi diranno chiiiiiii? con gli occhi sbarrati.

***

Massimiliano ha detto 4 gennaio 2013

Concordo. qui stano gridando di contentezza SUL NULLA. manca un mese e mezzo alle elezioni e Rivoluzione Civile ed Ingroia O saranno Ignorati dai media o saranno Massacrati. NON capisco questa sicurezza.

***

pietro ha detto 5 gennaio 2013

Intanto spiega ai tuoi genitori come lo conosci tu, le ragioni del tuo entusiasmo (credo che tu sarai uno dei tanti sostenitori di Rivoluzione Civile, come me, del resto), le ragioni dell’urgenza di votare in modo nuovo, e quindi dopo i tuoi genitori vallo a spiegare agli altri tuoi parenti e poi agli amici ed alla gente che incontri per strada.
Se a questa gente parlerai col tuo cuore non avremo bisogno di televisione.
Ce la faremo, la Rivoluzione Civile!
Auguri
Pietro Palmisano

t a s t o r o s s o

di maurizio aversa
Intendiamoci bene: è un sondaggio. Quindi vale la tendenza, soprattutto. Ma, senza essere presenti nelle scorribande mediatiche alla berlusconi; e senza essere tranquillamente e quotidianamente ringraziati da parte dei media (come per Monti e per il Pd) per l’anno “salvifico” (dei conti non delle sofferenze sociali ai più deboli e alla classe media italiana), siamo comunque, proprio con la riconoscibile impronta di Rivoluzione civile-Ingroia, tendenzialmente accreditati di un cinque per cento. Non è la somma reale della sofferenza sociale. Non è neppure l’esatta somma delle, ora, deboli forze politiche che sostengono il progetto lanciato dalla assemblea Io ci sto, con Ingroia. E, neppure lontanamente è associabile alla superlativa forza che può essere messa in campo da chi in questo momento partecipa o ha partecipato a movimenti civili, sociali – e quindi politici – legati a temi, emergenze, iniquità, evidenze globali che oggi sono costituzionalmente “a lato”. Non…

View original post 248 altre parole

Informazioni su smemorato

senza nulla a pretendere
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. smemorato ha detto:

    C’è condensato un programma che, in modo molto riduttivo, viene sintetizzato nel logo “Rivoluzione Civile” mentre io non esiterei a definirlo l’unica possibile Rivoluzione per un’Europa di giustizia e di democrazia.
    Ora è utile per tutti che anche le avanguardie rientrino nei ranghi, per fare un unico impeto contro i signori della guerra e del denaro.
    Tutti uniti in difesa della nostra salute, del nostro territorio, del nostro futuro, contro le Tav, contro i Ponti sullo Stretto, contro le fabbriche che inquinano i corpi e le anime. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...