io ricordo (.) punto


pensare che il ricordo deturpi il bello è fascismo, senza se e senza ma

Lo smemorato di Collegno

vagone

View original post

Informazioni su smemorato

senza nulla a pretendere
Questa voce è stata pubblicata in Ceglie Messapica. Contrassegna il permalink.

4 risposte a io ricordo (.) punto

  1. Pietro ha detto:

    Il “tuo” Soprintendente l’hai definito fascista e se l’è cavata pure con poco. Personalmente non ne ho mai visto uno da vicino di Soprintendenti ed è meglio così.
    Non c’è paragone con l’Olocausto, ma io a questi stipendiati a sbafo gli vorrei chiedere dov’erano quando a Ceglie si demoliva la Chiesa dei Cappuccini con l’annesso Convento e Lazzaretto?
    Con chi stavano gozzovigliando mentre ancora a Ceglie si riempivano di cemento gli orti vicino a San Giocchino?
    Dov’erano quando a Brindisi si demolivano vecchi monumenti per costruire mostruosi parallelepipedi di metallo o di cemento che oggi chiamano perfino “Teatro” o altro?
    Molti sono ruffiani degli UTC deviati e prezzolati e commensali dei signori del cemento.
    Non solo fascisti, anche sfascisti!!!

    • smemorato ha detto:

      Mi viene da ridere, se non ci fosse da piangere, a leggerti mentre da giorni, sulla “blogosfera” del paesino, infuria la campagna elettorale che, andrà ad eleggere un’altra amministrazione che perpetui qualche vecchia magagna (come quelle esemplari da te richiamate), nel nome del nuovo che avanza. Il massimo sarebbe eleggere il figlio del farmacista che di fatto è un cegliese nel mondo…

      • Pietro ha detto:

        “Se non ci fosse da piangere” ci sarebbe tanto da dire, ma io sto affogando nel pianto.
        Non mi costa molto tenere la lingua a freno mentre faccio in silenzio una meditazione che propongo anche a te con l’impegno del silenzio.
        Oggi sento di essere un uomo fortunato per quello che la vita mi da e credo di dover ringraziare per tutto questo proprio il nostro paesino. Anche tu mi pare…

  2. smemorato ha detto:

    Accetto, meditare in silenzio sulla fortuna d’essere nati, di essere vivi, di aver vissuto e vivere con onestà, magari con la spinta che abbiamo ricevuto dalla nostra siccitosa terra rossa, fa bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...