CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE


Oggi, 25 novembre 2015, voglio celebrare le donne di ogni paese, religione ed etnia che combattono quotidianamente la loro battaglia contro ogni forma di violenza e contro il terrorismo, a tal proposito voglio ricordare quanto previsto dalla nostra Carta Costituzionale a protezione della famiglia elemento fondante della nostra società.

L'altra Italia

scarpe rosse

Un uomo che esercita una qualsiasi forma di violenza sulle donne sta commettendo qualcosa di terribile. E’ vero: oggi questi comportamenti sono sanzionati penalmente, e chiunque si macchi di una colpa così abietta sarà chiamato a risponderne. Ma non bastano le leggi per fermare tale fenomeno perché la violenza sulle donne ha radici antiche e profonde nella nostra cultura. Si annida nel nostro linguaggio, nell’organizzazione della società, nelle rappresentazioni dei ruoli sessuali. Si annida dentro di noi. Tutti gli uomini devono assumersi la responsabilità di contribuire a porre fine a questo problema.
E’ necessario prendere coscienza che il problema della violenza di genere è un problema culturale e sociale, non un problema di ordine pubblico. Infatti, il luogo primario di violenza sulle donne è l’ambiente domestico, e si basa sull’ineguale distribuzione di potere tra uomo e donna; basti pensare che sino a non molto tempo fa con il termine passione…

View original post 314 altre parole

Informazioni su smemorato

senza nulla a pretendere
Questa voce è stata pubblicata in Ceglie Messapica. Contrassegna il permalink.

2 risposte a CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

  1. Pietro ha detto:

    Caro Giacomo, mi permetto di parafrasarti (che brutta parola!)….
    “E’ necessario prendere coscienza che il problema della violenza non “di genere” ma “in genere” è problema culturale e sociale non di ordine pubblico.”
    Insomma, ogni violenza mi sta sulle scatole.
    Come dici bene tu, io sottolineo che ogni forma di violenza nasce dall’ineguale distribuzione del potere tra gli esseri umani.
    Sarebbe interessante avere un Oservatorio Indipendente sulla Violenza in genere: forse vedremmo che il problema definito “di genere” non è che un minuscolo (anche se non meno grave e vergognoso) aspetto della violenza “in genere”. Grave e vergognoso sopratutto quando questo si consuma in famiglia.

  2. smemorato ha detto:

    Vergognoso è proprio il termine corretto. Riprovevole e disonorevole è quanto produce il fallimento umano, la mancanza di rispetto delle regole, dei sentimenti e dell’etica sociale ci conduce dritti alla barbarie. La nostra sfortuna è completata dal fatto che la cattiva politica utilizza queste nostre debolezze per dominarci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...