Pietro Gatti


Ho conosciuto per caso Pietro GATTI negli anni ottanta. Durante le vacanze estive al mio paese di nascita Ceglie Messapica, avido come sono di letture, frequento sempre l’edicola di Piazza Plebiscito. Un giorno chiesi informazioni su un libro di poesie che l’edicolante  aveva esposto in vetrina: “A terra meje” (La mia terra). Mi piacque immediatamente, alla prima sfogliata mi aveva conquistato. Era casualmente presente la figlia del poeta che, felice di vedere in me tanta passione per il libro di suo padre, si fece avanti, mi portò a casa sua e me lo presentò. Nato nel 1913, era già in pensione da anni e coltivava la sua passione per la poesia. Parlammo a lungo e venni a scoprire che sua madre, aveva visto nascere mio padre e i suoi fratelli e sorelle, essendo, all’epoca, l’unica levatrice del paese. Vi lascio immaginare le mie emozioni di quel giorno. Al congedo, mi regalò una copia del suo secondo libro di cui aveva meticolosamente corretto a mano gli errori di trascrizione dello stampatore. Mi scrisse una breve dedica, nella prima pagina, con la sua grafia netta e chiara di antico impiegato comunale. Negli anni successivi andai a cercarlo un paio di volte ma la reciproca timidezza non riprodusse la magia del primo incontro. Lo voglio ricordare qui con questa, per me stupenda poesia d’amore:
Quanne u suspiru mije t’à cchiamate,
stasere, i o varcunciedde t’à ffacciate,
cudu rise de uecchje come a stelle,
o scure t’à llusciute, amoru bbelle.
Na strende m’agghje ‘ndise atturne o core
de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more.
Giacomo

http://pietrogatti.wordpress.com/

6 risposte a Pietro Gatti

  1. zino tamburrino ha detto:

    Mi auguro di poterla rileggere ancora tante volte, perchè ogni volta è diversa, al pari di un libro, di un film, di una persona amica che rincontrare non fa altro che arricchire la mia ” colonna sonora” (e nà ssò sunat’… angor ‘ !!!).

  2. smemorato ha detto:

    Si, avrai modo e tempo per leggerla quante volte vorrai, come io mi porto stampate nel cuore queste ed altre parole della nostra lingua cegliese:

    Strenge na mane a ‘m biette. Bbatte u core.
    Cud’affanne de Ggiàcheme, jasteme!
    “Addò s’à ssci sccaffate cudu muerte
    de fame, cudu stroppie, nu mmerduse.
    Quanne u jacchje! L’agghje spezzà a mmazzate.”

    Pietro Gatti

    da “A seconda venute”

  3. zino tamburrino ha detto:

    … angert vot mi fisc-n angor li recchj
    mam’ ca nannj putev cchjù pi ccom ji jer diavl
    “… e ppi l’oss di Crist ci t’azzecc sta vot ti spezz li jamm !!! ”
    com’er buscjard e spirgjur mam’ !!!!!

  4. Sarà ca na tinev fiat’ cu t’ zz’ccav’, quedda puvuredd’?

    “pi l’oss di Crisht” ier com’a na sintenzij.

    Pietro Santo

  5. Zino Tamburrino ha detto:

    … nostra madre, giurava in quella maniera, ed a volte diceva anche “nandrasc’ ” ma io sinceramente tuttora con il lustro ed il mezzo secolo sul groppone non ne ho mai capito il significato… sò propr’ mu cigghjies’ sciers’ !!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...