Il T.S.O. è lecito e tollerabile?


Nel TSO gli attori sono: il malato, i medici psichiatri, il Sindaco, le civiche forze dell’ordine e il Giudice Tutelare, praticamente l’intera struttura sociale. D’altro canto come in tutti gli aspetti della società italiana la nostra Costituzione è centrale anche in questo caso. Sarebbe il caso di ritornare agli antichi principi, per il bene di tutti.

L'altra Italia

Un sistema delicato come quello della Salute mentale ha bisogno di un governo uniforme e condiviso da tutti, visto che, nel caso del TSO, gli attori sono il malato, i medici psichiatri, il Sindaco, le civiche forze dell’ordine e il Giudice Tutelare, praticamente l’intera struttura sociale. D’altro canto come in tutti gli aspetti della società italiana la nostra Costituzione è centrale anche in questo caso. Sarebbe il caso di ritornare agli antichi principi, per il bene di tutti.

Andrea Soldi è stato “preso al collo” e “un po’ soffocato”. È quanto emerge da una telefonata tra i soccorritori dell’ambulanza «Beinasco 291», arrivata in piazzetta Umbria a Torino nel primo pomeriggio del 5 agosto, e la centrale operativa del 118. Sono le 15 e l’ambulanza è appena partita da piazzetta Umbria, vi è stato caricato Andrea, 45 anni, metà della vita trascorsa in cura per schizofrenia, con…

View original post 880 altre parole

Informazioni su smemorato

senza nulla a pretendere
Questa voce è stata pubblicata in Costituzione Italiana e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il T.S.O. è lecito e tollerabile?

  1. Pietro ha detto:

    Stavo vedendo svogliatamente “La dama velata” e mi sono ricordato del T.S.O..
    Ma tu proprio “La dama velata” ti vedi? Dimmi qualcosa di meglio… A Brindisi sono andati al ballottaggio due tronconi omologhi delle passate amministrazioni decapitate dalla Magistratura, che se si mettevano insieme facevano più bella figura…. A Ceglie stanno da settimane chiacchierando di un on. e di un cons. com. dirett. oriundo milan.: insomma non c’è nulla di interessante a parte le ripetizioni soporifere della RAI!
    Ai tempi della “Dama velata” le donne non votavano e non c’era la Costituzione, però facevano i Trattamenti Sanitari per privare uomini e donne della loro personalità giuridica e di conseguenza della libertà e di ogni avere o diritto.

    • smemorato ha detto:

      Sei sicuro che nei casi politici locali che hai citato non si tratti in fondo di una “rievocazione storica di un mondo perduto. Ma anche la messa in scena di una vivace storia d’amore giovanile…”?: sono cose già viste e riviste, delle repliche appunto! La pochezza della nostra politica locale si ripropone ogni anno imperterrita, proprio come ai tempi delle nostre illuzioni giovanili di poter cambiare le cose. Un T.S.O. collettivo è però inproponibile, non ti pare?

      • Pietro ha detto:

        Credimi! Non ci avevo pensato. Mi sono trovato a “La dama velata” per la noia della vita reale. Però non sono, come si dice, alla frutta… Di frutta ieri avevo raccolto i gelsi bianchi e neri e le ultime nespole, piccole ma dolcissime: queste sì che sono gioie!!!
        E tra poco iniziano i “frutti” dell’orto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...